Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

BJ  studio legale tributario

Il mio Blog

È stata sbandierata la possibilità di ristrutturare casa senza spendere un euro.


È però doveroso precisare che se i lavori sono stati eseguiti a norma di legge il proprietario potrà effettivamente godere della detrazione fiscale pari al 110% della spesa, ma è altrettanto vero che durante l'esecuzione del cantiere qualcuno dovrà anticipare prima di tutto le spese di progettazione e poi l’acquisto del materiale e altro.


Quindi occorrerà anticipare soldi veri per avere un credito d'imposta quando questo sarà vistato per conformità e convalidato dall'Agenzia delle Entrate.


Il committente privato che ha disponibilità liquide potrà anticipare di tasca propria ma la maggior parte degli interessati dovranno rivolgersi agli istituti bancari o alle imprese realizzatrici.

Queste ultime è vero che possono acquisire il credito, anche attraverso lo sconto in fattura, ma dovranno comunque ricorrere a finanziamenti perché passeranno alcuni mesi tra progetto, realizzazione e l'ottenimento del credito d'imposta.


Il ruolo degli istituti di credito è quindi fondamentale sia che sia il cittadino privato o che sia l'impresa a chiedere i fondi necessari.

La banca istruirà una pratica di finanziamento con annessi interessi, commissioni e garanzie.

Poi monetizzerà il finanziamento nel momento in cui acquisirà il credito del Superbonus.

Cioè le banche acquisteranno a 100, forse meno, un credito d'imposta di euro 110.

Anche Poste Italiane si è interessata a queste operazioni che evidentemente sono lucrose per chi le finanzia.


Se è abbastanza facile cedere il credito è invece piuttosto difficile conseguirlo, soprattutto per quanto concerne il SUPERBONUS.

Per poter finanziare i lavori tutti gli operatori finanziari si cautelano chiedendo firme a garanzia, anche ipotecarie sia al singolo privato che alle imprese appaltatrici.

Se poi qualcosa va storto oppure alcuni lavori preventivati vanno a sforare i plafond previsti dalla normativa ecco che si dovrà sborsare di tasca propria.


Anche le procedure messe a disposizione soprattutto su portali dalle banche maggiori per la richiesta/gestione degli adempimenti dei finanziamenti sono particolarmente complesse.


Una maggiore flessibilità è garantita invece dalle banche locali dove il direttore che conosce il cliente può gestire e approvare spese personalmente almeno fino a un certo limite senza che si debba affrontare un vero e proprio percorso di guerra fatto di alert informatici e dati complessi da inserire che rendono particolarmente difficile il dialogo con le piattaforme messe a disposizione delle grandi banche per ottenere l'ok a un'anticipazione sui lavori o sui S.A.L. (Stato Avanzamento Lavori).


Molti confidano in una proroga ma anche in una semplificazione degli adempimenti.


Purtroppo il tempo scorre velocemente .... e i lavori languono.


Ci sarà tempo fino a fine 2023 per concludere i lavori e ottenere il beneficio fiscale ?


Daniele De Gasperis e Carlo Barbiera Commercialista

Per saperne di più scrivere a [email protected] o telefonare allo 0039 0432 501768




Il mio Blog

Gli ISA la nuova patente fiscale a punti

Posted on 7 November, 2017 at 0:00

Gli I.S.A. (Indicatori Sintetici di Affidabilità) , sono il nuovo strumento Fiscale per calcolare l’affidabilità di un contribuente per premiarlo, ma anche per far emergere spontaneamente eventuali maggiori redditi imponibili, nella prospettiva di una possibile collaborazione tra contribuenti e fisco, tramite assistenza, avvisi e comunicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Ma di fatto sembrano sostituire i vecchi Studi di Settore.

Un buon rapporto tra contribuenti e fisco è senz'altro lodevole se uno Stato moderno cerca di limitare i conflitti e il contenzioso a suon di carte bollate, ricorsi e azioni Legali.

Lodevole sensibilizzare il contribuente a una maggiore giustizia distributiva utilizzando le imposte in modo che anche i cittadini più deboli possono vivere in uno stato di diritto più equo, che si concretizza con un Apparato Statale che non abbia costi strutturali elefantiaci, dove di fatto le tasse finiscono per coprire i costi e non siano poi sufficienti per l'equa distribuzione.

Molto spesso i principi di equità fiscale, che si leggono nella riforma fiscale del 1973 o nello Statuto del Contribuente, sono stati piegati alle esigenze di gettito, come abbiamo spiegato in questo stesso Blog. (http://www.btstudio.eu/blog/2016/05/12/LOscurantismo-Fiscale-.aspx).

Oggi il sistema fiscale è ancora farraginoso e bizantino, quasi più attento ad applicare sostanziose multe, per violazioni meramente formali o di norme assurde, che non a scovare l'effettiva base imponibile sottratta dal contribuente all'imposizione fiscale.

Cosicché i contribuenti sanzionati e bastonati  si sono sentiti autorizzati a sottrarsi all'obbligazione tributaria, utilizzando mezzi e tecniche di risparmio fiscale di qualsiasi tipo.

Il superamento degli Studi di Settore e l'adozione degli ISA va nella direzione del cambiamento del rapporto tra Fisco e Contribuente.

Infatti alla base degli Studi di Settore c'era l'ottica sanzionatoria tipica del vecchio rapporto.

I nuovi ISA, invece, superando la sanzione, sembrano basarsi piuttosto sull’idea di premiare i contribuenti più virtuosi.

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/dichiarare/studisettoreparametri/isa+2017/scheda+info+isa+2017),

L'ISA sarà espresso con un numero da zero a dieci; un buon indice, tra otto e dieci, garantirà in modo semplice e trasparente una serie di vantaggi fiscali, tra i quali:

la minore attesa per i rimborsi di eventuali crediti fiscali;

l’esclusione da certi adempimenti e da alcuni accertamenti;

i termini di prescrizione più brevi.

L'ISA:

tiene conto del comportamento del contribuente in un maggior periodo di tempo, considerando fino a otto anni di storia fiscale del contribuente;

risulta più centrato sul soggetto, anziché sul suo settore di attività;

appare più trasparente verso il contribuente, a cui verrà tempestivamente comunicato; qualora l’ISA risultasse sfavorevole, non determinerà automaticamente una sanzione: infatti potrebbero esistere mille ragioni plausibili per cui un singolo contribuente potrà legittimamente sostenere di non aver guadagnato nulla o di aver subito una perdita in un determinato periodo d’imposta.

L'Agenzia delle Entrate intende attivare entro dicembre i primi settanta ISA; altri  sono previsti a stretto giro entro il 2018; e a mano a mano che essi entreranno in vigore, prenderanno il posto dei corrispondenti Studi di Settore.

Ma osservando i cambiamenti del fisco italiano (in particolare la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, l’accesso ai conti correnti bancari dei contribuenti, la fatturazione elettronica obbligatoria anche fra i privati a partire dal 2019, e in ultimo questi nuovi ISA), confessiamo il timore che esso si trasformi in un oscuro grande fratello, come già anticipato sul nostro Blog:

http://www.btstudio.eu/blog/2016/12/01/Lo-spionaggio-fiscale.aspx.

Ma volendo essere fiduciosi, speriamo invece che dal cambiamento di prospettiva derivi un mutamento sostanziale di atteggiamento, sia da parte del fisco che da parte dei contribuenti, nell'ottica di una equità fiscale.

Non sappiamo se più giusta la frase “pagare tutti per pagare meno” oppure “dare a Cesare quello che è di Cesare” (Reddite quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo).

Aspettando l’entrata in vigore dei provvedimenti, in un panorama fiscale in continuo e veloce cambiamento, conviene tenersi informati; per questo continuate a leggere gli articoli del nostro Blog.

Molti ritengono che queste innovazioni incideranno profondamente sullo stesso rapporto tra il professionista e i suoi clienti.

Restiamo quindi a Vostra disposizione per chiarire ogni vostro dubbio in proposito.

Il nostro studio legale e tributario, infatti, segue l’evoluzione della normativa e della prassi, per poter offrire ad ogni cliente la soluzione più adatta al suo caso.

A pensarci per tempo si evitano sorprese… soprattutto quando, come nella nostra era digitale, la situazione muta velocemente e a tempo di bit.

Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

0 Comments

0