BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Decreto Legge obbligo vaccinazioni
COMPENSAZIONE cambiate le regole dal 24 Aprile
riattivato servizio Isee dal 15 maggio
bando affitti 2017 Regione FvG
Da quest'anno Dichiarazioni IVA ogni trimestre

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

I REGIMI AGEVOLATI. Come funzionano

Le ultime tre Leggi di Stabilità hanno rimaneggiato i regimi agevolati: minimi, forfettino, forfettone, forfettari e di vantaggio.

Siccome non è facile districarsi tra le nuove e le vecchie norme, soprattutto perché chi aveva già scelto un regime, nonostante le modifiche e le abrogazioni, potrà ancora utilizzarlo fino alla sua naturale scadenza,

facciamo un breve riepilogo.

I regimi ante Legge di Stabilità 2015 (Legge 190/2014) erano tre:

a)  Il regime FORFETTINO per le nuove iniziative imprenditoriali (Legge 388/2000) quello con imposta sostitutiva dell’IRPEF (10% del reddito determinato nei modi ordinari, niente acconti, addizionali regionali e comunali, niente ritenuta d’acconto, niente registrazioni contabili, niente liquidazioni e versamenti periodici IVA; niente acconto annuale IVA, si dichiarazioni annuali IVA, IRPEF, Irap e studi di settore, quadro RE della dichiarazione dei redditi).

b)  Il regime dei MINIMI contabile agevolato (DL 98/2011 comma 3 dell’art. 27) quello con imposta sostitutiva dell’IRPEF passata dal 20% al 5% sul reddito (calcolato con il principio di cassa, fino a 35 anni di età o 5 anni, niente Irap e Studi Settore, niente addizionali regionali e comunali, niente IVA, niente contabilità, quadro CM della dichiarazione dei redditi).

c)  Il regime dei NUOVI MINIMI imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (DL 98/2011 comma 1 e 2 dell’art. 27) quello con imposta sostitutiva dell’IRPEF, IVA, addizionali regionali e comunali, 5%, (niente IVA, niente contabilità, niente Irap, Studi Settore e Spesometro, si dichiarazione dei redditi con il quadro LM con principio di cassa).

L’opzione nel Modello AA9
 
prima della Legge di Stabilità 2015:
Chi richiedeva una partita IVA e comunicava l’inizio di una attività utilizzava il modello AA9/11 e alla fine del quadro B trovava le due caselle per i “Regimi Fiscali Agevolati”:

la prima serviva a selezionare il regime dei Nuovi Minimi , con una crocetta,

la seconda serviva per Aderire  [A] o Revocare [R] il Forfettino
 
dopo la Legge di Stabilità 2015:
dal 1 gennaio 2015 i regimi Forfettino e dei Minimi (a e b) vengono abrogati, cioè chi inizia una nuova attività non può più sceglierli.

Rimane solo il 3 regime dei “Nuovi Minimi”.

Lo stampato per richiedere una partita IVA e comunicare l’inizio di una attività cambia e diventa il modello AA9/12 dove in fondo al quadro B si trova solo una casella “Regimi Fiscali Agevolati” :

1 che è quella dei NUOVI MINIMI non cancellati dalla Legge di Stabilità del 2015 
e l’opzione 

2 che è il REGIME FORFETTARIO introdotto dal 1 gennaio 2015 quello con i coefficienti di redditività sui ricavi in base al codice Ateco (commercianti 40%, professionisti 78% ecc. e per le nuove attività redditività di 1/3 per i primi 3 anni) imposta sostitutiva 15% dell’IRPEF, IRAP, addizionali regionali e comunali, niente IVA salvo opzione triennale per l’IVA e IRPEF ordinari, no studi di settore e parametri, deducibilità contributi previdenziali e domanda di agevolazione contributiva entro il 28 febbraio,  si dichiarazione dei redditi con il quadro LM con principio di cassa
 
Legge di Stabilità 2016 (208/2015).

Più che altro regola il passaggio dal regime ordinario a quello Forfettario, compilando il rigo VA14 e VF56, la dicitura da mettere sulla fattura se non c’è l’opzione per il regime IVA e IRPEF ordinari.

Chi ha optato per il regime ordinario, pur essendo un forfettario, dovrà compilare il quadro VO33.

Chi ha optato per il regime dei Nuovi Minimi (comma 1 e 2 art 27 legge 98/2011) dovrà compilare il quadro VO34.
 
Legge di Stabilità 2017 (232/2016).

Per le imprese in contabilità semplificata: è stato introdotto un nuovo regime di cassa per artigiani e commercianti che operano in regime semplificato.
Abolizione dell’Irap 2017 e Studi di Settore per studi professionali, liberi professionisti e imprenditori senza dipendenti o con un solo dipendente.

Per chi è in contabilità ordinaria introdotta la “flat tax” del 24% (IRI), ossia un’aliquota uguale per tutti i contribuenti sul reddito di impresa che non verrà prelevato ma reinvestito nell’attività, di persone, ditte individuali, professionisti e autonomi. Ma in caso di prelievo si applicheranno i soliti scaglioni che vanno dal 23% al 43 %.

L’IRES passa dal 27,5% al 24%.

Introduzione delle comunicazioni IVA trimestrali e abolizione dello Spesometro.

Istituzione dei finanziamenti a tasso zero (progetto Invitalia) peri giovani sotto i 35 anni che vogliano intraprendere un’attività imprenditoriale.

Per ogni chiarimento o valutazione potete contattarci al numero telefonico 0432 501768 o inviare una email a studio@btstudio.eu

0 commenti a I REGIMI AGEVOLATI. Come funzionano:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint