BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Modulo rimborso Banche venete
I RISCHI E LA ROTTAMAZIONE
Nuovi voucher 2017
Approvata la Legge sulla tortura
Decreto Legge obbligo vaccinazioni

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

le principali novità della Legge di Stabilità 2016

Abolizione delle tasse sulla prima casa. Sulla prima casa sarà cancellata la Tasi, mentre su ville e case di lusso, oltre alla Tasi, sparirà anche l’Imu. Lo sgravio totale dell’Imu riguarderà anche i terreni agricoli e i macchinari “imbullonati” al suolo nelle grandi fabbriche.
Taglio dell’Ires. La tassa sui profitti delle imprese sarà ridotta dal 27,5 per cento al 24 per cento, ma solo a partire dal 2017. L’intervento potrebbe essere anticipato al 2016, se le istituzioni europee dovessero approvare la clausola per gli eventi eccezionali – in questo caso la crisi dei migranti – che consentirà una maggiore flessibilità agli obiettivi di bilancio pari allo 0,2 per cento del pil. I “superammortamenti”. Tra gli incentivi alle imprese, il governo ha annunciato l’introduzione di una deduzione dalle tasse per gli acquisti di macchinari effettuati tra l’ottobre del 2015 e la fine del 2016. Le aziende che investono nelle nuove strumentazioni potranno ammortizzare il 140 per cento del loro valore.
Nessun aumento dell’iva e delle accise. Le clausole di salvaguardia previste dalle precedenti manovre sono state azzerate, scongiurando aumenti sia dell’iva sia di molte accise (che sarebbero ammontati a circa 16,9 miliardi di euro).
Canone Rai. La tassa è stata abbassata da 113 a 100 euro e arriverà con la bolletta, per abbattere l’evasione. Dal 2017 il canone scenderà a 95 euro.
I bonus per le ristrutturazioni. Gli incentivi alle ristrutturazioni edilizie, i cui costi possono oggi essere detratti dall’Irpef per una quota del 50 per cento, dovrebbero essere prorogati per un altro anno. Stesso discorso per le detrazioni legate agli interventi sul risparmio energetico, che dovrebbero rimanere al 65 per cento per un anno ancora.
Incentivi per chi assume. Gli incentivi alle assunzioni (che oggi prevedono uno sgravio sui contributi totale per chi assume un dipendente a tempo indeterminato o converte un contratto precario in un inquadramento stabile) diventeranno meno generosi. Per chi assume nel 2016 lo sgravio fiscale si ridurrà del 40 per cento e poi calerà ancora.
Comuni. Dal 2016 saranno sbloccati i soldi in avanzo dei comuni che erano stati congelati dal patto di stabilità, per un totale di 675 milioni di euro.
Contanti. Sarà innalzato da mille a 3mila euro il limite all’utilizzo dei contanti, approvato negli anni scorsi dal governo Monti per combattere l’evasione e molto contestato dagli operatori economici.
Sanità. Per il fondo sanitario nazionale è stata confermata per il 2016 una dotazione di 111 miliardi, rispetto ai 113 attesi e agli attuali 110.
Poveri. Nel 2016 ci saranno 600 milioni di nuove risorse per il Fondo povertà: una cifra che sommata alle risorse già stanziate porterà il totale a 1,4 miliardi. Il governo lavorerà con comuni, terzo settore e fondazioni per interventi mirati soprattutto ai minori.
Pensioni. Sarà prorogata la cosiddetta “opzione donna”, che permette alle lavoratrici di mettersi a riposo con molto anticipo (oggi il requisito è 35 anni di contributi e 57 anni di età) ma con forti penalizzazioni sull’assegno (che è calcolato con il metodo contributivo). Sarà consentito a chi ha almeno 63 anni e 7 mesi di età di lavorare part time nell’ultima parte della carriera, ma con una retribuzione vicina a quella ordinaria.
 
Il testo della Legge di stabilità potrà subire delle variazioni, in sede di conversione parlamentare, prima dell’approvazione definitiva, prevista per fine anno.Scrivi qui il tuo post.

0 commenti a le principali novità della Legge di Stabilità 2016:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint