BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Modulo rimborso Banche venete
I RISCHI E LA ROTTAMAZIONE
Nuovi voucher 2017
Approvata la Legge sulla tortura
Decreto Legge obbligo vaccinazioni

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Equitalia, le novità a favore del contribuente.

Due importanti novità: 
una sentenza del Tribunale di Venezia e la novazione della rateazione.
Se la rateazione è scaduta da non più di 2 anni, per il mancato pagamento di otto rate, si può chiedere, entro 30 giorni dall’approvazione dell’imminente Decreto Legislativo una nuova rateazione di 72 rate aggiuntive.
La novità più interessante invece è la sentenza numero  3079/2015 del 23 settembre del Tribunale di Venezia che ha stabilito che Equitalia come agenzia di riscossione se agisce "in assenza di ruolo" non può pretendere il saldo del debito per conto di altri creditori, nel caso della sentenza erano contributi Inps e Inail. 
Il Tribunale di Venezia ha messo in discussione la natura stessa del mandato che lo Stato assegna a Equitalia: "Una società di capitali che persegue scopi di lucro non può gestire la riscossione delle tasse e dei tributi lucrando sugli stessi e aggravando le già precarie condizioni del contribuente". 
La sentenza del giudice del Tribunale Civile di Venezia Paolo Corder che non entra nel merito se i contributi elencati nelle cartelle esattoriali andassero o meno pagati, ma conferma una regola che non viene quasi mai rispettata e cioè che non si possono inviare cartelle esattoriali, senza prima la sottoscrizione del “ruolo”, l’atto scritto obbligatorio che serve a dimostrare che quanto preteso è dovuto dal contribuente. 
Il giudice ha ricordato che l’articolo 49 del Dpr 602/73 «prevede che per la riscossione coattiva delle somme non pagate, il concessionario procede ad espropriazione forzata sulla base del ruolo, che costituisce titolo esecutivo». 
Solo dopo la notifica del ruolo, va spedita al contribuente la “cartella di pagamento”, che gli intima di pagare entro 60 giorni, pena l’esecuzione forzata. Non si possono saltare questi passaggi, come purtroppo accade quasi sempre. Infatti «la cartella di pagamento ha la funzione di minacciare l’avvio dell’esecuzione». 
Se il cittadino, non segui le procedure e non ha le carte in regola vieni punito, ma questo deve valere anche per l’amministrazione, non è quindi possibile che lo Stato pretenda soldi da un cittadino senza avere il “pezzo di carta” che lo legittima. 
Il giudice, citando la Cassazione del 2003, scrive che «Equitalia prima di emettere la cartella avrebbe dovuto accertarsi della correttezza formale del ruolo e dunque, della sua esecutività». 
Cioè niente ruolo, niente cartelle. Equitalia può agire solo se è in possesso di requisiti validi in grado di giustificare le pretese degli enti pubblici per i quali agisce. 
Prova che va fornita da Equitalia e dagli enti creditori e non dal cittadino.

Ricordo anche la procedura con la quale il contribuente può “paralizzare” la riscossione inviando una domanda di inesistenza e verifica del debito all’esattore che è costretto chiedere conferma all’ente creditore. 
Se l’ente creditore non risponde entro 220 giorni il credito si estingue. 
Il termine per questa istanza è stato ridotto da 90 a 60 giorni ed è vietato presentare la domanda di sospensione più volte.

Per ulteriori informazioni ci contatti allo: 
0432501768 o via email: studio@btstudio.eu

0 commenti a Equitalia, le novità a favore del contribuente. :

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint