BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Decreto Legge obbligo vaccinazioni
COMPENSAZIONE cambiate le regole dal 24 Aprile
riattivato servizio Isee dal 15 maggio
bando affitti 2017 Regione FvG
Da quest'anno Dichiarazioni IVA ogni trimestre

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

730 precompilato: istruzioni per l'uso


Gli uffici fiscali per la predisposizione della dichiarazione 730/2015 hanno utilizzato:

  • i dati contenuti nella Certificazione Unica (ex CUD)  consegnata al dipendente o pensionato dal sostituto d'imposta (datore di lavoro, ente pensionistico) e inviata da quest'ultimo all'Agenzia delle entrate.
    Nella Certificazione Unica è indicato il reddito di lavoro dipendente  o di pensione, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale ecc..
  • i dati relativi agli interessi passivi sui mutui, ai premi assicurativi e ai contributi previdenziali, che vengono comunicati all'Agenzia delle Entrate da banche, assicurazioni ed enti previdenziali;
  • i dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell'anno precedente (per esempio le spese che danno diritto a una detrazione da ripartire in più anni, come quelle sostenute per interventi di ristrutturazione);
  • i dati presenti nell'Anagrafe tributaria (per esempio i versamenti effettuati con il modello F24, le compensazioni eseguite e i contributi versati per lavoratori domestici).Alcune informazioni in possesso dell'Agenzia delle Entrate potrebbero non essere state inserite nella dichiarazione precompilata, perché incomplete, incoerenti, da verificare ecc.. Per questo motivo il contribuente potrà accedere al 730 precompilato e verificarlo anche tramite un Caf o un professionista abilitato, in questo caso il contribuente dovrà sottoscrivere un'apposita delega.Potrebbe accadere che dall'Anagrafe Tributaria risulti l'acquisto di un fabbricato, ma non la destinazione (in comodato, tenuto a disposizione, ecc.); oppure, che gli interessi passivi per il mutuo comunicati dalla banca siano di importo superiore a quelli indicati nella dichiarazione dell'anno precedente (anche se normalmente  accade il contrario). Questi dati sono riportati in un prospetto riepilogativo, in modo da poter essere verificati ed eventualmente riportati in dichiarazione dal contribuente.Come accedere: il 730 precompilato è disponibile online, a partire dal 15 aprile, utilizzando il Pin di Fisconline o quello dispositivo dell'Inps, oppure della Carta Nazionale dei Servizi, (per tutte le informazioni, occorre  andare alla pagina "Verifica se hai bisogno di abilitarti" della sezione "I passi da seguire" dell’Agenzia delle Entrate).Sarà possibile visualizzare la dichiarazione; accettarla e inviarla senza modifiche; modificarla (inserendo, per esempio, le spese mediche o altri redditi); inviarla dopo averla modificata.Il 730 precompilato va presentato entro il 7 luglio, sia nel caso di presentazione diretta all'Agenzia delle Entrate sia nel caso di presentazione tramite Caf o professionista.
  • Ci può contattare allo: 0432/501768 via email: studio@btstudio.eu; federala@email.it,   


0 commenti a 730 precompilato: istruzioni per l'uso:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint