Efficienza e professionalità - Messaggio aziendale
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Nuova definizione agevolata 2017
i ricordi e il bollo auto
Novità Legali Tributarie di fine 2017.
Spesometro rinvio e sanzioni
Rottamazione Equitalia Bis

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Ci avete rotto i … pellet


L’iva sui pellet, metodo di riscaldamento che ha avuto successo negli ultimi anni e preminente in alcune zone rurali e montane, passa dal 4 al 22%. Sarà ancora conveniente rispetto agli altri mezzi di riscaldamento più inquinanti?

Ma la befana ci ha portato altri aumenti:

La birra artigianale è in rapida espansione?  Benissimo aumenta l'accisa che sale da 2,7 a 3,04 euro per ettolitro. Cioè su un euro speso in birra il fisco se ne prende 45 centesimi. I produttori lamentano che siamo di fronte al quarto aumento consecutivo in 18 mesi che mette in difficoltà le aziende e a rischio posti di lavoro.  In ogni caso è un “bel modo” di incentivare la ripresa.

L'imposta sui prodotti alcolici intermedi, come i vini liquorosi o quelli aromatizzati, sale da 80,71 a 88,67 euro/ettolitri, mentre quella su alcolici, rhum, whisky, gin, grappa ecc.  passa da 942,49 a 1.035,52 euro per ettolitro.

Aumentano anche le tasse sui fondi pensione e le casse previdenziali private, le cui aliquote passano rispettivamente dall’11,5 al 20%  e dal 20 al 26%.

Francobollo per lettera è passato da 0,60€ del 2012 a 0,80€ già dal 2014  (+ 33,33%).

Ma c’è di più. Se nel 2015 le misure adottate con la Legge di Stabilità, non dovessero garantire saldi di bilancio tali da assicurare il pareggio entro il 2017, scatterà un altro aumento IVA. L'aliquota al 10% salirà al 13%, mentre quella al 22% salirà al 25,5%. Lo prevede una clausola introdotta nella manovra economica definitivamente approvata.

La Pubblica Amministrazione fa fatica ad attuare la Spending Review? Servono soldi? Ecco che allora si tartassano gli automobilisti aumentando i pedaggi autostradali e le accise sui carburanti (e siamo già al decimo aumento in 4 anni), l’ammontare sarà definito con un provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che dovrà reperire 671 milioni. Il prezzo del petrolio si è più che dimezzato negli ultimi 2 mesi (ma in Italia nessuno se ne è accorto perché il prezzo alla pompa è rimasto elevato). E se non bastano le accise? Si procede con le multe, infatti siamo il Paese europeo con il maggior   incremento di multe negli ultimi cinque anni, pari a quasi il 1000%. Si avete letto bene, non è un errore di battitura: mille per cento, per (in ordine di grandezza) divieti di sosta comprese le multe per i ticket scaduti o non pagati, uso del cellulare alla guida, eccesso di velocità da autovelox, passaggio col semaforo giallo o rosso, guida senza casco o senza cinture di sicurezza, passaggio nelle zone a traffico limitato (ZTL), divieto di accesso, guida senza patente, guida senza documenti di circolazione o assicurazione, ecc.. 

Se vogliamo fare una classifica per zone abbiamo nel Nord Est aumenti del 992%, nel Centro del 975%, nel Nord Ovest del 911%, nel Sud del 902%, nelle isole del 868%. I numeri confermano che gli automobilisti del Nord sono i più indisciplinati, infatti non sono Napoli o Roma le città della sosta selvaggio o dove molti passano con il rosso, ma molte città del Nord.  Ma cosa accade negli altri paesi Europei? LRomania vanta un +124%, la Grecia +108%, la Bulgaria +102%, la Slovacchia + 94%, Cipro +91%, la Francia +30%, la Spagna +26%, il Belgio +24%, l'Inghilterra +18%, la Germania +11% ma l’Italia tiene saldamente il primo posto con il + 987%. Almeno in qualche cosa siamo primi!


Per ulteriori approfondimenti ci contatti al numero telefonico 0432/501768 o via email: studio@btstudio.eu o federala@email.it, o al +39335241066  / +393922801277.

 

 

 


0 commenti a Ci avete rotto i … pellet:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint