Efficienza e professionalità - Messaggio aziendale
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Nuova definizione agevolata 2017
i ricordi e il bollo auto
Novità Legali Tributarie di fine 2017.
Spesometro rinvio e sanzioni
Rottamazione Equitalia Bis

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Cartelle esattoriali e trasferimento all'estero dell'attività

Secondo la recente sentenza della Cassazione (sez. VI-T, ordinanza 17.04.2014 n° 8934) la cartella esattoriale deve essere sempre motivata. Il contribuente deve essere messo in grado di conoscere  specificamente le ragioni del recupero in modo che possa tempestivamente impugnarle dinanzi le competenti Commissioni Tributarie.
Ecco stralcio della Sentenza:
“Conformemente all’orientamento della Corte Costituzionale (cfr. sentenza 229/99 e ordinanza 117/00), questa Corte ha avuto modo di precisare, con giurisprudenza dalla quale non vi è motivo qui per discostarsi, che l’obbligo di una congrua, sufficiente ed intelligibile motivazione non può essere riservato ai soli avvisi di accertamento della tassa (per i quali tale obbligo è ora espressamente sancito dall’art. 71, comma secondo bis, del D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507, comma aggiunto dall’art. 6 del D.Lgs. 26 gennaio 2001, n. 32), atteso che alla cartella di pagamento devono ritenersi comunque applicabili i principi di ordine generale indicati per ogni provvedimento amministrativo dall’art. 3 della Legge 7agosto 1990, n. 241  (poi recepiti, per la materia tributaria, dall’art. 7 della Legge 27 Luglio 2000, n. 212), ponendosi, una diversa interpretazione, in insanabile contrasto con gli artt. 3 e 24 Cost., tanto più quando tale cartella non sia stata preceduta da un motivato avviso di accertamento (ex plurimis, Cass. 15638/04)”. (Corte di Cassazione, sezione V civile, sentenza 16 dicembre 2009, n. 26330)"
I suddetti principi sono stati ribaditi dalla Corte di Cassazione (Sesta Sezione Civile T) il 17 aprile 2014, con la sentenza  n. 8934, che ha sentenziato la nullità della cartella esattoriale priva di adeguata motivazione.

L’imprenditore che sposta la propria attività dall’Italia all’estero è tenuto al pagamento di una apposita  imposta di trasferimento denominata exit tax ( articolo 166, comma 1, del Tuir).
Secondo la Legge Italiana il trasferimento costituisce realizzo, al valore normale, degli  Asset e dei beni  che compongono l’azienda.  
Il decreto  del Ministero della Economia e Finanze (Mef) del 2 luglio disciplina l’exit tax con  uno Stand-by delle imposte dirette (al massimo per dieci anni) per l’impresa che si trasferisce all’estero, se resta in Europa.
Le disposizioni del provvedimento si applicano ai trasferimenti all’estero effettuati dopo l’entrata in vigore del decreto Mef 2 luglio 2014, nonché a quelli avvenuti prima, in vigenza del vecchio  Dm 2 agosto 2013, purché compatibili.
La Sospensione o rateizzazione  va esercitata inviando all’Ufficio delle Entrate competente per territorio, entro il termine per il saldo delle imposte sui redditi relative all’ultimo periodo fiscale di residenza in  italia, un’apposita comunicazione corredata dalla documentazione necessaria (che va conservata su supporto informatico).

Per ulteriori informazioni ci può contattare ai riferimenti tel. +390432/501768  di Udine, +390434/1774843  di Pordenone,  o
via Email: studio@btstudio.eu,    

Seguici anche sulla nostra pagina facebook:https://www.facebook.com/btstudio.legaletributario

0 commenti a Cartelle esattoriali e trasferimento all'estero dell'attività:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint