BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Modulo rimborso Banche venete
I RISCHI E LA ROTTAMAZIONE
Nuovi voucher 2017
Approvata la Legge sulla tortura
Decreto Legge obbligo vaccinazioni

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Le notifiche: la Legge e l'inganno

Il 21 marzo di quest’anno, con un articolo su questo Blog,  ricordavo ai lettori che i portalettere erano diventati Messi Notificatori di Equitalia.
Vediamo perché.
Numerose  sentenze avevano dichiarate inesistenti le notifiche effettuate da Equitalia utilizzando il servizio postale.
Infatti la notifica postale per essere valida deve comunque essere effettuata da un Messo Notificatore, come risulta chiaro dall’art. 26 DPR  602/73 e le modifiche che vi sono state apportate nel tempo (leggi mio articolo del 09.11.2012 di questo Blog “perché sono nulle le cartelle esattoriali inviate per posta”).
Per aggirare queste sentenze, Equitalia ha pensato bene di nominare Messi Notificatori tutti i portalettere italiani.
Di conseguenza ci fu una levata di scudi da parte dei sindacati dei dipendenti postali che contestavano il fatto che, da un’iniziale adesione volontaria all'iniziativa,  l'Azienda Poste Italiane fosse passata ad un’adesione obbligatoria. I sindacati contestavano, inoltre, che il tesserino di Messo Notificatore  fosse  rilasciato ai portalettere dopo poche ore di un corso on-line frettoloso, effettuato da esperti locali che, invece di approfondire le responsabilità civili e penali cui va incontro il “postino-messo”, divenuto d’emblée  Pubblico Ufficiale,  si erano più che altro preoccupati di tranquillizzarli,  dicendo che l’Azienda Poste Italiane mette a disposizione i suoi avvocati per ogni problema legale e che è importante sorridere sempre al cittadino destinatario della notifica.
Non dimentichiamo che Equitalia, per questo “servizio di notifica”, versa 200 milioni di euro dei nostri soldi alle Poste SpA.
A questo punto ci siamo fatti qualche domanda. Ma questa nuovo modo di notificare è legittimo?
Dove sta il trucco? Dobbiamo aspettarci qualche nuova modalità di notifica? Forse basterà che qualcuno, appositamente stipendiato per questo, confermi che Tizio è stato avvisato telefonicamente che ha una cartella da pagare?
Queste sono domande che interpretano le ansie del contribuente. Ma c’è una domanda concreta che merita risposta: cosa succede se il postino non trova il destinatario della sua notifica?
Dicevamo, il postino se trova qualcuno sorride… sempre; vi dà una busta come se fosse una semplice raccomandata; voi firmate e la ritirate ed eccovi notificati!
Poi aprite la busta e, sorpresa, scoprite che dentro c’è una cartella esattoriale.
Se non ci siete o non vi trovano, vi lasciano nella cassetta il MOF, il cosiddetto avviso di cortesia che indica il codice T&T  dell’Atto, ma il MOF non dice di quale Atto si tratti, soprattutto non dice che si tratta di una Cartella esattoriale.
Cosa è questo T&T ? E’ semplicemente il numero in codice a barre che si trova sulla busta che contiene la Cartella  Esattoriale.
Sulla busta c’è scritto semplicemente MPF, il codice T&T e il nome e cognome del destinatario, ma dentro c’è la Cartella Esattoriale.
Un altro avviso che il Portalettere-Messo mette nella cassetta delle lettere è l’Avviso di Notifica di Atto Mediante Deposito nella Casa Comunale (questa volta su carta intestata di Equitalia con indicato il Numero Elenco e il Numero Atto) nel quale c’è scritto:
“Non essendo stato possibile notificarLe l’atto/gli atti sopra indicato/i presso il Suo domicilio fiscale, stante la Sua assenza e l’impossibilità ad eseguire la consegna alle persone indicate dall’art. 139 c.p.c., il/la sottoscritto/a  Sig/Sig.ra  ………………(qui troverete il nome e cognome del Vostro portalettere)  in qualità di messo notificatore dell’Agente della Riscossione per la Provincia di………. . ,La informa che il giorno ………. Si è provveduto:
-  al deposito di tale atto/atti, in busta chiusa e sigillata, nella Casa Comunale di ……. Presso la quale potrà/potranno essere ritirato/i nei seguenti orari ……”
Ma non c’è nessun T&T o altro numero di riferimento che possa provare che il MOF, avviso di cortesia, precedentemente depositato nella cassetta delle lettere, sia  proprio quello relativo allo stesso atto indicato nell’Avviso di Notifica Mediante Deposito di Atto nella Casa Comunale.
Non si capisce se è una svista della procedura o è fatto a bella posta in modo che … senza tanti MOF si possa passare direttamente al deposito in Comune.
Si dice che il lupo perda il pelo ma non il vizio: chi ha un po’ di trascorsi  con gli Agenti della Riscossione degli anni passati, si ricorderà che era un vizio diffuso delle varie società di Riscossione quello di notificare direttamente l’Avviso di Mora senza aver precedentemente notificato la Cartella Esattoriale. Si potrebbe poi disquisire sulla legittimità del tutto, alla luce anche e soprattutto della sentenza della Corte Costituzionale n. 1 del 13/1/2014, con la quale ha bocciato la Legge elettorale, quindi delegittimando il Parlamento e le Leggi approvate da esso aprendo di fatto un vulnus giuridico difficilmente sanabile.
Ma davvero il portalettere per ogni cartella che non è riuscito a consegnare, va, come la Legge vorrebbe,  in Comune ad effettuarne il deposito?
Ma neanche per sogno!
Riporta le buste contenenti le Cartelle Esattoriali in Posta, dove tutte le cartelle non consegnate vengono caricate su un furgone e un addetto delle poste le porta in massa nella casa Comunale.

In una ottica di spending review  sarebbe piuttosto da chiudere Equitalia Spa, che  si limita a fare da “passa-file”:  Equitalia riceve un file dall’Agenzia delle Entrate che  lo passa alle Poste Italiane Spa che poi fa tutto il lavoro di stampa, imbustatura  e notifica. 

Per ulteriori informazioni ci può contattare ai riferimenti tel. +390432/501768 di Udine, +390434/1774843 di Pordenone,  
via Email: studio@btstudio.eu,    

Seguici anche sulla nostra pagina facebook:https://www.facebook.com/btstudio.legaletributario


4 commenti a Le notifiche: la Legge e l'inganno:

Commenti RSS
Anonimo on lunedì 1 settembre 2014 15:10
Grazie per le informazioni innanzitutto. Problema Equitalia e/o Poste. Vorrei segnalare quanto capitatomi: Ricevo il 2 luglio(non personalmente) cartella di pagamento in busta chiusa con etichetta MOF senza alcun riferimento di data e che riporto io sulla busta per memo; il 9 luglio ricevo raccomandata con avviso di avvenuta notifica per il giorno 27 giugno, questo è falso !....oggi 1 settembre presso equitalia mi vedo aggiungere 65 euro circa di mora per 3 giorni di ritardo secondo loro. Ma chi ruba ? Io Andrò a chiedere al direttore delle Poste come fanno a far notificare date false. Cosa altro potrò fare, cosa possiamo fare ? Se necessario e servono chiarimenti contattatemi....Cordialmente Michele Guido
Rispondi a un commento
 
Fabio on venerdì 26 giugno 2015 12:14
Ciao, ho inviato via mail, sul sito di questo articolo, una mia riflessione che invitava a sua volta a… riflettere: nessun esito. Allora ho mandato questa seconda: “Dov'è finito il mio precedente commento, che invitava a riflettere su CHI dà tutto questo potere a Equitalia, senza che né Poste Italiane né sindacati possano fare vera opposizione?” ho premuto su "Pubblica"… ma anche questa non è arrivata (almeno in chiaro). Quest'altra sarebbe la terza...


Fabio on venerdì 26 giugno 2015 11:28
Ogni cosa che Equitalia decide, sporca o pulita che possa essere, che ci sia opposizione (autentica?) o no, alla fine passa. E non si discute mai di questo semplice ma fondamentale... dettaglio! Perché? Chi dà tutto questo potere a questa Gestapo moderna?
Rispondi a un commento


Fabio on venerdì 26 giugno 2015 11:49
Dov'è finito il mio precedente commento, che invitava a riflettere su CHI dà tutto questo potere a Equitalia, senza che né Poste Italiane né sindacati possano fare VERA opposizione?
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint