Efficienza e professionalità - Messaggio aziendale
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Nuova definizione agevolata 2017
i ricordi e il bollo auto
Novità Legali Tributarie di fine 2017.
Spesometro rinvio e sanzioni
Rottamazione Equitalia Bis

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Sosta scaduta delle auto nelle zone blu non è più una multa.

Un parere tecnico-legale, protocollato al numero 25783, emanato dal Ministero delle Infrastrutture (Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione e i sistemi Informativi e Statistici- Direzione Generale per la Sicurezza Stradale - Divisione II), afferma che se l’automobilista ha sforato il periodo di sosta, cioè gli è scaduto il Ticket, nella zona a pagamento, da oggi pagherà solo la differenza prevista, tra l’orario di scadenza del ticket e l’orario rilevato dal controllore.  
Non si tratta più, quindi di una sanzione amministrativa, ma di una violazione contrattuale di tipo civilistico, dove l’obbligazione è il pagamento di una determinata somma, commisurata al periodo di utilizzo di un’area di parcheggio riservata ad una azienda (privata, mista o pubblica)  che gestisce le zone di sosta a pagamento (strisce Blu).
Sembrerebbe, secondo il suddetto parere, che invece rimane la sanzione amministrativa per l’omesso pagamento, cioè la mancata esposizione sul parabrezza del Ticket.
Quindi  omettendo il ticket, la sanzione applicata, sarà intera e varia a seconda del Comune da 20 a 40 Euro.
Nei diversi contenziosi sorti tra gli automobilisti multati e i Comuni, sarà da tener conto anche quella del numero dei posteggi liberi, che dovrebbero essere messi a disposizione nelle immediate vicinanze, in rapporto a quelli di  sosta a pagamento.
Tale obbligo non viene quasi mai rispettato dai Comuni e potrebbe essere uno dei motivi di annullamento di qualsiasi. sanzione, amministrativa o civile, che si voglia.
Infatti in giurisprudenza (Sent. Cass. SS.UU. n.116/2007) vi è l’orientamento, che stigmatizza come illegittima, la violazione, da parte dei Comuni, dell’"obbligo di istituire zone di parcheggio gratuito e libero in prossimità di aree in cui il parcheggio è solo a pagamento"
La sentenza precisa che “i provvedimenti in forza dei quali sono stati istituiti i parcheggi a pagamento, sono meritevoli di annullamento, siccome viziati da eccesso di potere per carenza istruttoria e difetto di motivazione”.

Non resta quindi che rivolgerci al Giudice di Pace o al Prefetto per contestare la Sanzione amministrativa o quella “civile”.

Per ulteriori informazioni ci può contattare ai riferimenti tel. +390432/501768, +390434/1774843, via @mail:studio@btstudio.eu e/o fax +390432/25126.

0 commenti a Sosta scaduta delle auto nelle zone blu non è più una multa.:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint