BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Decreto Legge obbligo vaccinazioni
COMPENSAZIONE cambiate le regole dal 24 Aprile
riattivato servizio Isee dal 15 maggio
bando affitti 2017 Regione FvG
Da quest'anno Dichiarazioni IVA ogni trimestre

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Perché l’Austria attira gli imprenditori Italiani

Per aprire una azienda in Austria, per esempio in  Carinzia (Kärntner),  si parla con  un unico Funzionario che segue la pratica dall’inizio alla fine. Dopo aver presentato il progetto, l'imprenditore viene invitato a una riunione con i tecnici del settore,  un avvocato, un commercialista, l'esperto delle normative ambientali (rumori e decibel)  e  un interprete.  L’imprenditore non deve andare da un ufficio all’altro, tra carte e burocrazia, perché le norme sono semplici e chiare, in due uffici si fa tutto. Entro una ventina di giorni si può aprire. Per le norme Fiscali  Vi rimandiamo alla Home page: http://www.btstudio.eu/Imposte-e-Societ--in-Austria.html

L’Assessore all’Economia della Corinzia, Dr. Christian Ragger, laureato in Italia, parla perfettamente l’Italiano e conosce la mentalità dell’imprenditore Italiano e di conseguenza fa funzionare al meglio l'EAK di Klagenfurt am Wörthersee (Agenzia per lo sviluppo Carinziana) che promuove e attrae gli investimenti dal Veneto, dalla Lombardia e dai distretti produttivi Italiani  stremati da Fisco e Burocrazia. La EAK fa trovare all’imprenditore Italiano quello che gli serve. La gran parte degli imprenditori che scelgono di emigrare in Carinzia lo fa per fuggire al “Sistema” burocratico-fiscale italiano. In Austria un imprenditore è colui che porta benessere e lavoro, mentre in Italia per default è un evasore salvo prova contraria.  D’altra parte quasi tutta la normativa fiscale Italiana si basa sull’inversione dell’onere della prova. Senza considerare un’ulteriore inversione quella del teorema fiscale accusatorio per default credibile, al contrario di quello dell’imprenditore considerato quasi sempre il teorema difensivo di un delinquente.  Ricordo infine che dal  1 Marzo è cambiata la normativa sul capitale delle società a responsabilità limitata Austriache (GmbH) che è stato riportato a 35.000 Euro. Per coloro che quindi hanno  fondato una società con capitale ridotto a 10.000 Euro (dei quali è obbligatorio versare almeno 5.000 Euro) entro 10 anni dovranno adeguare il capitale ai 35.000 previsti dalla nuova Legge.   

Per ulteriori informazioni ci può contattare ai riferimenti tel. +390432/501768, +390434/1774843, via @mail: studio@btstudio.eu e/o fax +390432/25126.

0 commenti a Perché l’Austria attira gli imprenditori Italiani:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint