BT studio legale tributario  - Efficienza e professionalità
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Modulo rimborso Banche venete
I RISCHI E LA ROTTAMAZIONE
Nuovi voucher 2017
Approvata la Legge sulla tortura
Decreto Legge obbligo vaccinazioni

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

Come si applica l'Iva per cassa dal 1 dicembre 2012


L’opzione per l’IVA per cassa dovrà essere esercitata secondo le modalità che saranno stabilite con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate. Lo stesso vale per la revoca dell’opzione.
Su ogni fattura emessa applicando il regime dell’Iva per cassa, deve essere apposta specifica annotazione per indicare che si tratta di operazione con “Iva per cassa”, con espresso riferimento anche alla norma istitutiva (art. 32-bis, D.L. n. 83/2012). L’omessa indicazione di tale dicitura costituisce una violazione formale ai fini sanzionatori. 
Le operazioni alle quali si applica il regime dell’IVA per cassa sono computate nella liquidazione periodica relativa al mese o trimestre nel corso del quale è incassato il corrispettivo, ovvero nel corso del quale scade il termine di un anno dal momento di effettuazione dell’operazione.
Decorrenza e termine dell’opzione.
L’opzione ha effetto a partire dal 1° gennaio dell’anno in cui è esercitata ovvero, in caso di inizio dell’attività nel corso dell’anno, dalla data di inizio dell’attività.

Limitatamente all’anno 2012, primo anno di applicazione del nuovo regime, l’opzione ha effetto per le operazioni effettuate a partire dal 1° dicembre 2012.
Il soggetto che ha optato per l’Iva per cassa può decadere da tale regime per due motivi:
  • per scelta, presentando apposita revoca;
  • per superamento nel corso dell’anno della soglia di volume d’affari di 2 milioni di euro.
In quest’ultimo caso, il soggetto esce dal regime dell’IVA per cassa e riprende ad applicare le regole ordinarie dell’IVA a partire dal mese successivo a quello in cui la soglia è stata superata

Per le operazioni passive, le regole ordinarie si applicheranno con riferimento alle fatture ricevute a partire dal mese successivo, anche se l’acquisto è stato effettuato nel periodo in cui era applicato il regime dell’IVA per cassa.
Sia in caso di uscita dal regime per effetto del superamento della soglia di volume d’affari, sia in caso di uscita dal regime per effetto della revoca dell’opzione da parte del soggetto passivo, la norma prevede che nella liquidazione relativa all’ultimo mese in cui è stata applicata l’IVA per cassa venga computato a debito l’ammontare complessivo dell’IVA relativa alle operazioni i cui corrispettivi non sono stati ancora incassati. Ciò permette di evitare la coesistenza, per la stessa attività, di due regimi di liquidazione dell’imposta. 
Nella stessa liquidazione, il soggetto passivo potrà esercitare il diritto alla detrazione dell’imposta relativa agli acquisti i cui corrispettivi non sono stati ancora pagati.

Per ulteriori informazioni al riguardo ci contatti pure allo  0432/501768 e/o allo 0434/1774843 o via email:   studio@btstudio.eu

0 commenti a Come si applica l'Iva per cassa dal 1 dicembre 2012:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint