Efficienza e professionalità - Messaggio aziendale
RSS Segui Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

Nuova definizione agevolata 2017
i ricordi e il bollo auto
Novità Legali Tributarie di fine 2017.
Spesometro rinvio e sanzioni
Rottamazione Equitalia Bis

Categorie

attualità
Contributi e agevolazioni
finanziamenti e agevolazioni
Legale tributaria
novità
Novità fiscali
Novità per la consulenza del lavoro
Pillole di informazione
scadenze
powered by

Il mio blog

ATTENZIONE AL NUOVO REDDITTOMETRO


IL NUOVO REDDITTOMETRO Attenzione alle  nuove  voci «spia»: le spese  per il cellulare,   l'abbonamento in palestra,  le donazioni alle onlus,  la parcella del veterinario,  l'asilo,   le spese per l'università dei figli ecc.., e i soliti  indicatori come: la barca, la macchina di lusso, le spese per la colf, ecc. Alla fine sono un centinaio gli indicatori, divisi in sette grandi categorie, che disegnano la capacità di spesa del contribuente per calcolare il suo reddito «presunto».  Se questo  reddito presunto è troppo  al di sopra di quello dichiarato, il Fisco potrà far scattare i controlli. 
I  COMMENTI:   
Secondo Attilio  Befera  Direttore della Agenzia delle Entrate,  il nuovo redditometro è una delle battaglie.contro gli evasori: «Ci stiamo lavorando, spero a breve» di averlo a disposizione, ha detto ieri Befera. «Preferisco ritardare un po' ma avere uno strumento efficace. Stiamo facendo due forme di redditometro, uno per la selezione preventiva e uno per le attività di controllo ». Un meccanismo in due tempi che darà la possibilità al contribuente di dimostrare la compatibilità delle proprie spese con il reddito dichiarato prima di far scattare gli eventuali controlli. 

 «Si tratta di un meccanismo concettualmente giusto — afferma Claudio Siciliotti, Presidente Nazionale dei commercialisti — ma c'è un rischio concreto: potenzialmente il redditometro può diventare strumento automatico e assumere valore legale comportando l'inversione dell'onere della prova a carico del contribuente. È vero che Befera, meritoriamente, ha più volte ribadito che questo sarà solo uno strumento che servirà a segnalare i casi più a rischio per far scattare accertamenti più approfonditi. Ma il timore è che in futuro ci possa essere un inasprimento del suo utilizzo. Si tratta di una preoccupazione prospettica legata soprattutto alla presenza dei coefficienti, gli stessi che tanti problemi hanno creato negli studi di settore. Stavolta però non saremmo più in presenza di 5 milioni di partite Iva ma di 50 milioni di contribuenti». Il nuovo redditometro consentirà anche una verifica «fai da te» a posteriori: grazie a un software messo a disposizione dei singoli contribuenti e dei commercialisti, chi vorrà potrà inserire i propri dati (e spese) e verificare se quanto ha intenzione di dichiarare rientrerebbe nei parametri stimati o farebbe accendere un campanello d'allarme al fisco. E magari ritoccare la dichiarazione. 

Per chi vuole saperne di più non esiti a contattare  BT   Studio. 
allo 0432/501768 o allo 0434/1774843 o via email:   studio@btstudio.eu




2 commenti a ATTENZIONE AL NUOVO REDDITTOMETRO:

Commenti RSS
www.collegepaper.org on giovedì 26 dicembre 2013 13:22
Yo no tengo que preocuparme por mi tarea, porque ya he leído un artículo maravilloso sobre este asunto. Estoy muy entusiasmado de escribir y hacer algo en paralelo con el tema.
Rispondi a un commento


jon on venerdì 8 settembre 2017 23:07
that is a great side for readong urposes
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint