BiT      studio    legale tributario

    Efficienza e professionalitÓ

Il mio Blog

visualizza:  completo / riassunto

BIT COIN QUADRO RW E TRATTAMENTO FISCALE

Pubblicato il 20 giugno 2018 alle 14.15 Comments commenti (16)

L’Agenzia ha fornito una interpretazione che prevede che le operazioni di conversione delle cripto valute debbano essere assoggettate a tassazione se la giacenza media supera il controvalore di 51.645,69 euro per 7 giorni lavorativi del periodo d’imposta.

La cessione delle cripto valute genera l’insorgere di una plusvalenza da redditi diversi ai sensi dell’articolo 67, comma 1, lett. c-ter) del Tuir da dichiarare nel quadro RT del modello Redditi con imposta sostitutiva al 26%.

L’Agenzia è giunta a tale conclusione dando una definizione di valuta virtuale secondo quanto previsto dall’articolo 1, comma 2, lettera qq), del D.Lgs. 231/2007 e cioè:

“La rappresentazione digitale di valore, non emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi è trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente”.

Quadro RW e IVIE

Per la compilazione del quadro RW, l’Agenzia afferma che deve essere indicato l’importo del portafoglio composto da cripto valute ai fini degli obblighi di monitoraggio fiscale, originariamente e ordinariamente previsti per gli intermediari bancari e finanziari, ma ora estesi ai soggetti così detti  “operatori non finanziari”  che intervengono, anche attraverso movimentazione di “conti”, nei trasferimenti da o verso l’estero di mezzi di pagamento effettuati anche in valuta virtuale, di importo pari o superiore a 15.000 euro.

La compilazione avverrà indicando alla colonna 3 il codice 14 (“Attività estere di natura finanziaria”) ai soli fini del monitoraggio fiscale.

Non è invece dovuta l’imposta Ivafe, in quanto questa si applica solamente ai depositi e conti correnti di natura bancaria.

È doveroso ricordare il precedente e diverso orientamento espresso nella risoluzione n. 72/E del 2 settembre 2016, infatti l’Agenzia delle Entrate, prima di cambiare idea aveva chiarito che:

il Bitcoin è una tipologia di moneta “virtuale” utilizzata come “moneta” alternativa a quella tradizionale, la cui circolazione si fonda su un principio di accettazione volontaria da parte degli operatori privati.

Nel caso di possesso da parte di persone fisiche ovvero di possesso di tali valute al di fuori dell’attività d’impresa, la tassazione non si applicava, mancando la funzione speculativa …Per quanto riguarda, la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa. La Società, pertanto, non è tenuta ad alcun adempimento come sostituto d’imposta.….

Comunque l’attività di intermediazione di valute tradizionali con valute virtuali costituisce attività rilevante ai fini Iva, Ires e Irap, con tutte le conseguenze del caso.

Per ulteriori approfondimenti ci contatti allo 0432501768 o via email: [email protected]

Carlo Barbiera Commercialista


BONUS & TASSE

Pubblicato il 05 giugno 2018 alle 14.25 Comments commenti (0)

Aumenta la soglia di reddito per accedere al bonus di 80 euro.

I dipendenti pubblici hanno avuto l'aumento di 85 euro e con la Legge di Bilancio 2018, per salvaguardare questo aumento, è stata innalzata la soglia di reddito che dà diritto al bonus, in modo da evitare l'azzeramento del contributo con l'aumento di stipendio.

I requisiti necessari per ottenere il bonus sono dati dalle soglie di reddito:


960 euro annui  da 8.174 a 24.600

Riduzione proporzionale  da 24.601 a 26.600

Azzeramento  oltre 26.601

 

Un esempio:

Reddito annuo di 26.500 euro, nel 2017 non avrebbe avuto diritto al Bonus, nel 2018 ha dritto al bonus di 48 euro, ossia: 960 moltiplicato per il rapporto tra (26.600 - 26.500)/2.000 = 48 euro.

 

Per ulteriori approfondimenti ci contatti allo 0432501768 o via email: [email protected]

Carlo Barbiera Commercialista


COME SANARE LE VECCHIE CARTELLE ESATTORIALI

Pubblicato il 07 maggio 2018 alle 09.50 Comments commenti (1)

Con la rottamazione bis è possibile sanare le cartelle esattoriali ricevute dal 1 gennaio 2000 al 30 settembre 2017.

Per ottenere la sanatoria è necessario presentare la domanda entro il 15 maggio 2018.

La domanda può essere inoltrata anche via internet accedendo al sito dell'Agenzia delle Entrate.

Per istruire la pratica, inoltrarla on-line e ogni informazione potete rivolgervi al nostro Studio via email [email protected] o telefonicamente allo 0432501768 o alla Associazione di Categoria Federala [email protected]

Carlo Barbiera Commercialista

Il 18 Aprile presentazione delle domande per l'APE volontaria

Pubblicato il 13 aprile 2018 alle 05.10 Comments commenti (0)

Con  il comunicato stampa del 12 aprile 2018:

https://www.inps.it/docallegatiNP/InpsComunica/UfficioStampa/comunicatistampa/Lists/ComunicatiStampa/cs180412.pdf

l'INPS ha reso noto che è stato attivato il servizio per la presentazione della domanda per la pensione anticipata, la cosiddetta APE. La domanda va fatta on-line sul sito dell'INPS.

Ricordo che di fatto è un anticipo finanziario a garanzia pensionistica che comprende la proposta del contratto di finanziamento, la proposta di contratto di assicurazione contro il rischio di premorienza, l’istanza di accesso al Fondo di garanzia, nonché la domanda di pensione di vecchiaia.

Gli interessati devono avere la certificazione del diritto da parte dell’Inps e l’identità digitale SPID di secondo livello.

Chi ha maturato i requisiti di accesso all’APE volontario nel periodo compreso tra il 1° maggio e il 18 ottobre 2017, deve presentare la domanda di accesso entro il 18 aprile 2018.

Per istruire la pratica, inoltrarla on-line e ogni informazione potete rivolgervi al nostro Studio via email [email protected] o telefonicamente allo 0432501768 o alla Associazione di Categoria Federala [email protected]


Carlo Barbiera Commercialista e Consulente del lavoro


16 Marzo versamento per vidimazione libri sociali

Pubblicato il 14 marzo 2018 alle 04.55 Comments commenti (0)

Scade il 16 marzo il pagamento della tassa annuale di vidimazione relativa al 2018 per i libri e i registri sociali obbligatori elencati dall'articolo 2421 del codice civile.

Sono tenute al versamento e vidimazione  le società per azioni, le società a responsabilità limitata, le SrLs, le società in accomandita per azioni, le società consortili a responsabilità limitata, le aziende speciali degli enti locali e i consorzi tra enti territoriali.

Sono, invece, esonerate le società di capitali dichiarate fallite, le società cooperative e di mutua assicurazione, le imprese individuali, i consorzi tra imprese che non hanno assunto la forma di società consortili, le società semplici, quelle in nome collettivo e le società in accomandita semplice; inoltre vanno annoverati tra gli esonerati anche gli enti non economici, le aziende ospedaliere, le aziende socio sanitarie, le associazioni e le fondazioni organizzazioni di volontariato.


Libri da vidimare bollare normalmente sono:  libro dei soci, libro delle assemblee dei soci, libro delle delle deliberazioni del consiglio di amministrazione.

Ma in alcuni casi sono da vidimare anche:  libri di adunanze del comitato esecutivo o del Consiglio di gestione, libro delle adunanze del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza o del comitato di controllo della gestione, il libro delle obbligazioni,  libro delle adunanze degli obbligazionisti, libro o registro per il quale vige l'obbligo da norme speciali.

L'importo da versare è uno solo per tutti i registri: 

309,87 euro, fino a un capitale di 516.456,90 euro al 1 gennaio 2018.

516,46 euro, se  supera il suddetto importo.

Per il primo anno di attività il versamento si fa con  bollettino di c/c postale n. 6007 intestato all'Agenzia delle entrate - Centro operativo di Pescara - Bollatura numerazione libri sociali..


Per gli anni successivi entro il 16 marzo si utilizza il modello F24 in modalità telematica indicando il codice tributo 7085 nella sezione "Erario", l'importo e l'anno per il quale viene eseguito il versamento.


L'omesso versamento è sanzionato ma si può sanare con il ravvedimento operoso.

Carlo Barbiera Commercialista

Scadenza invio INvCiv 2016 e 2017 e RED

Pubblicato il 28 febbraio 2018 alle 04.50 Comments commenti (0)

Scadenza trasmissione Modelli INVCIV (con i quali viene accertata e riconosciuta l’Invalidità)

e RED (dichiarazione, prevista dalla legge, che i pensionati devono presentare il cui diritto è collegato alla situazione reddituale)

L'INPS ha confermato il termine di presentazione al 28 febbraio 2018 delle dichiarazioni relative alle campagne:

Sollecito INVCIV 2016 dati 2015 

Ordinaria INVCIV 2017 dati 2016-2017

Tuttavia il CAF potrà trasmettere i modelli

ICRIC (indennità di accompagnamento/frequenza ed eventuale periodo di ricovero in casa di cura)

ICLAV (per attestare di prestare o non prestare attività lavorativa)

ACC AS (assegno sociale e pensione sociale, dichiarazione sulla permanenza del requisito della residenza stabile e continuativa in Italia per i titolari di pensione sociale e assegno sociale)

ACCAS/PS (dichiarazione sulla condizione di ricovero per i titolari di assegno sociale)

all'Istituto oltre tale data, pertanto sarà possibile trasmettere le dichiarazioni al nostro CAF CGN entro le ore 18:00 di martedì 27 marzo 2018.

Dopo le opportune fasi di controllo, propedeutiche alla trasmissione delle dichiarazioni, il CAF CGN procederà alla trasmissione telematica all'Istituto.

I modelli sottoscritti devono essere conservati per un periodo di 10 anni in forma cartacea o digitale con allegati i documenti che lo compongono.

per info ci chiami allo 0432 501768

dott. Davide Triadantasio e Carlo Barbiera

Spesometro 2░ semestre 2017

Pubblicato il 06 febbraio 2018 alle 11.30 Comments commenti (0)

Scadrà il 6 aprile p.v. l'invio del "nuovo Spesometro"  per l'esattezza si chiama "invio fatture e corrispettivi " del secondo semestre 2017.

L'obbligo della  comunicazione delle fatture emesse, ricevute e registrate (e variazioni) è stato introdotto dal Dl 78/2010 (articolo 21).

Se Vi ricordate l'anno scorso ci fu un Black Out (si fa per dire n.d.r.) del cervellone del Fisco.

In realtà il software messo a punto dall'Agenzia delle Entrate era pieno di buchi, errori. Si impiantava ogni 5 minuti, oltre a far vedere a chiunque le fatture di chiunque .... alla faccia della Privacy.

I dati da inserire sono numerosi e ripetitivi.

Si può fare anche da soli, basta logarsi nella parte del sito dell'Agenzia delle Entrate dedicata all'invio, armarsi di pazienza e inserire i dati richiesti.

L'alternativa è chiedere fin d'ora un preventivo al Commercialista.

Attenzione: chi non ottempererà alla comunicazione potrà incorrere in sanzioni da un minimo di €1 ad un massimo di 1000€ a fattura non comunicata.

dott. Davide Triadantasio e Carlo Barbiera Commercialista

Per ulteriori approfondimenti ci contatti allo 0432501768 o via email: [email protected]

100 milioni di euro per la digitalizzazione.

Pubblicato il 29 gennaio 2018 alle 10.25 Comments commenti (0)

Dal 30 gennaio al 9 febbraio 2018 sarà possibile per le micro, piccole e medie imprese di tutto il territorio nazionale presentare la domanda per l'ottenimento del contributo in forma di voucher per l'acquisto di hardware, software e servizi specialistici finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali e all'ammodernamento tecnologico.

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l'indicazione delle imprese e dell'importo dell'agevolazione prenotata.

Nel caso in cui l'importo complessivo dei Voucher concedibili sia superiore all'ammontare delle risorse disponibili (100 milioni di euro), queste saranno ripartite in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa beneficiaria. Ai fini del riparto saranno considerate tutte le imprese ammissibili alle agevolazioni che avranno presentato la domanda nel periodo di apertura dello sportello, senza alcuna priorità connessa al momento della presentazione.

Verificata la documentazione finale che le imprese sono tenute a presentare entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese, che dovranno essere sostenute dopo la comunicazione dell'avvenuta prenotazione del contributo, il Ministero determinerà l'importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.

Per ulteriori approfondimenti ci contatti allo 0432501768 o via email: [email protected]

Nei link che segue moduli e istruzioni:

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/voucher-digitalizzazione


1- Dichiarazione Sostitutiva Vaucher

2- Digitalizzazione Manuale e Approfondimenti

3- Domanda per Vaucher Digitalizzazione

4- Liberatoria sul Pagamento del Fornitore

5- Resoconto del Progetto Digitalizzazione

Gli incentivi fiscali della Legge di Bilancio 2018

Pubblicato il 27 gennaio 2018 alle 11.00 Comments commenti (0)

A scuola ci insegnano che gli ultimi tre secoli hanno visto tre rivoluzioni industriali.
Energia idroelettrica, macchine a vapore e strumenti-macchinari nel diciottesimo secolo.
Elettricità e linee di produzione, catene di montaggio e produzione di massa diciannovesimo secolo.
Informatica e automazione ventesimo secolo.


Ora siamo nel ventunesimo secolo e siamo di fronte ad una rivoluzione digitale della produzione
automatizzata e interconnessa e delle stampe in 3D che è stata denominata: Industria 4.0 il termine venne coniato nel 2011 alla fiera dell'elettronica ad Hannover.


In questo tipo di produzione, i dati necessari vengono raccolti, analizzati, processati per diventare istruzioni informatiche per le macchine dove l'uomo è l'interfaccia che attraverso i linguaggi informatici da gli ordini alle macchine-robot.
Molto probabilmente nei prossimi cinque anni spariranno alcuni milioni di posti di lavoro, ma ne verranno creati degli altri, in misura minore o maggiore …. non si sa e i pareri degli esperti sono contrastanti.
Cioè «I robot ci ruberanno il lavoro, ma è molto meglio così» non lo dico io è il titolo del testo di Federico Pistono della Oxford Martin School.


Vi ricordate il libro di Roberto Vacca “il medioevo prossimo venturo” ?
Ipotizzava che l'umanità si avviasse verso un nuovo medioevo a causa dell'esplosione demografica, delle migrazioni di massa dal terzo mondo verso i paesi occidentali con una regressione culturale e lotte religiose che avrebbero dovuto causare il blocco della tecnologica. Sembra che fino ad ora la profezia si sia avverata solo in minima parte.
Si è creata però una dicotomia tra industrie super tecnologiche e digitali e gli “altri”, certo che se si verificasse una tempesta magnetica che mettesse fuori uso i sistemi digitali, un pericolo di una regressione medioevale ci potrebbe essere.


2015 anno in cui il ministero per lo Sviluppo ha iniziato a lavorare su: «Come fare della trasformazione digitale dell’industria una opportunità per la crescita e l’occupazione», dove vengono individuate le aree dove intervenire per tenere anche l’Italia al passo con la trasformazione in atto.


2018 la Legge di stabilità conferma e amplia gli incentivi per la trasformazione tecnologica e digitale che prevedono:

  • credito di imposta per la Formazione 4.0,
  • l'iperammortamento dei beni materiali,
  • superammortamento dei beni immateriali,
  • finanziamenti agevolati con garanzia pubblica fino all'80% con il “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese”,
  • contributo sugli interessi che sono stati stabiliti nel 2,75% e 3,575% (nuova Sabatini) per gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali, crediti di imposta per ricerca e sviluppo,
  • agevolazioni per Pmi e start-up innovative.


Un esempio dal punto di vista fiscale:


250% di ammortamento fiscale del costo relativo a specifici beni materiali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica 4.0 e
140% del costo relativo a specifici beni immateriali (software-sviluppo) connessi a beni materiali per Industria 4.0 per gli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2018 oppure entro il 30 giugno 2019 a condizione che l’ordine sia accettato entro il 31 dicembre 2018 e siano stati pagati acconti del 20% dell'acquisto.
Necessaria la dichiarazione del legale rappresentante che attesti che il bene possiede le caratteristiche tecniche previste dalla legge e che è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.
Per i beni di costo superiore a 500.000 euro è obbligatoria la perizia tecnica giurata redatta da un ingegnere, da un perito industriale ovvero un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato


Industria 4.0 è mirata ad una consistente digitalizzazione collegata con tutte le unità produttive dell’economia:

  • Nella produzione ci saranno sistemi complessi che interagiscono con la produzione, con il mercato e con un massiccio utilizzo della rete connessa ai sotto sistemi i controlli in tempo reale.
  • I robot nelle aziende sono raddoppiati negli ultimi 3 anni, soprattutto nei paesi del Nord Est dove sistemi intelligenti interagiscono tra loro.
  • Ogni anno nel mondo raddoppiano i “Big Data”.
  • Il cloud computing con la condivisione, la lettura e l'analisi dei dati permetterà la modifica on line della produzione.
  • I processo industriali potranno essere simulato e verificato in virtuale; e solo dopo aver verificato la bontà e redditività del progetto industriale si procederà con il processo e la mappatura fisica di produzione caricando il software necessario, i parametri e le matrici numeriche nelle macchine per la la produzione reale.


Carlo Barbiera Commercialista


Per ulteriori informazioni ci potete contattare allo 0432/501768 o via email, [email protected]


multe stradali via Pec...e la notifica?

Pubblicato il 25 gennaio 2018 alle 11.20 Comments commenti (0)

Con le novità introdotte dal DM interno del 18/12/2017, in vigore dal 16/1/2018, la persona che viene fermata dagli organi di Polizia e alla quale è fatta una contravvenzione, può comunicare il proprio indirizzo Pec, per la notifica della stessa entro e non oltre i 90 giorni....

Spetterà agli organi di Polizia verificare la veridicità della Pec attraverso gli elenchi pubblici....Nella maggior parte dei casi spetterà alle stesse forze dell'ordine controllare i pubblici elenchi ed inviare la multa al destinatario...

Se non risulta avere una Pec o esser inattiva, la contravvenzione sarà inviata con i metodi tradizionali via raccomandata postale al destinatario....

Inoltre il file inviato per esser valido dovrà esser in formato pdf/p7m e apribile con chiavetta usb certificata che non tutti hanno...


Dott. Davide Triadantasio


Per ulteriori approfondimenti ci può contattare allo 0432501768 o via email [email protected],


Rss_feed